domenica 16 novembre 2014

Il canto della cometa

Per quanto sappiamo bene essere impossibile la propagazione dei suoni nello spazio, il piccolo Lander Philae è riuscito a catturare la voce della cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko.
Certo, non è sicuramente al pari di Maria Callas, ma penso che possa dare le stesse emozioni. 
Questa sua vibrante armonia lassù, nello spazio profondo ce la lascia immaginare un po' come se le comete fosse sirene, creature mitologiche del profondo degli abissi che hanno la loro controparte, nello spazio profondo.


E così Philae, si è addormentata al dolce suono del canto della cometa, ma ha voluto condividere con noi la forte emozione di questa ninna nanna ancestrale.




Nessun commento:

Posta un commento