venerdì 16 agosto 2013

Una Terra senza la Luna?

Credits: NASA



C'è chi dice che è improbabile, chi invece teorizza già un periodo in cui la nostra Luna si allontanerà definitivamente.
Ma cosa accadrebbe alla Terra senza il suo satellite naturale?




Innanzitutto, ciò che risentirebbe di più dall'assenza della Luna, sarebbe l'asse di rotazione terrestre. Infatti la luna gioca un ruolo fondamentale stabilizzando l'asse di rotazione: mantenendola intorno ai 23.5 gradi, grado più grado meno.
In mancanza del nostro satellite artificiale, questo asse di rotazione potrebbe variare continuamente, e potremmo trovare le calotte polari all'equatore.



Ma non solo.
La luna ha influenzato ed influenza i cambiamenti climatici, abbiamo quindi le stagioni nelle quali il clima cambia in modo graduale. Senza di essa, probabilmente la Terre avrebbe risentito molto di più dell'influenza del sole e probabilmente ci saremmo trovati con delle escursioni caldo/freddo decisamente drammatiche, il che avrebbe portato a temporali durante il giorno e un'atmosfera molto spessa con enormi pressioni sulla superficie, anche fino a cento (100) atmosfere.
In pratica, l'effetto serra avrebbe generato temperature pari a quelle di Venere. Praticamente invivibili.

Effetti meno drammatici, ma pur sempre di grande importanza, nel caso in cui non ci fosse più la luna, sarebbero la totale assenza delle maree.
Le maree vengono generate per effetto dell'attrazione gravitazione della Luna.
Quindi nel caso in cui la luna non dovesse più esserci, potremmo dire addio alle maree e alle grandi correnti oceaniche che regolano, il clima del nostro pianeta.



Ma la domanda resta ancora?
Ci sarà un giorno una Terra senza la luna?
Probabilmente si!
Si calcola che la Luna si sta allontanando di circa un centimetro l'anno, in che vuol dire che tra circa due miliardi di anni, la Luna sarà così tanto lontana, da non subire più l'attrazione gravitazione della terra e ciò renderà instabile il nostro asse di rotazione.
Ciò è confermato da misurazioni effettuate tramite i raggi laser che colpiscono degli specchi, lasciati sul nostro satellite dagli astronauti.
 Di conseguenza per i calcoli matematici effettuati, presto ci ritroveremo senza Luna.

Secondo invece Luis Barbier, astrofisico del Goddard Space Flight Center della NASA, non è esattamente così. Certo, la Luna ha cominciato il suo processo di allontanamento, ma non ci abbandonerà.
Resterà infatti ad orbitare intorno a noi, raggiungendo un'orbita massima di circa il cinquanta per cento superiore a quella attuale, il che potrebbe portare ad allungare le nostre giornate e anche il nostro calendario. Infatti un mese, potrebbe durare circa cinquanta giorni.

Tutti questi potrebbe o se o forse, troveranno una risposta o una conferma tra due miliardi di anni e forse in quel periodo, l'umanità avrà altre gatte da pelare, come per esempio il sole morente e forse una giornata più lunga sarà l'ultimo dei suoi problemi.

Fino ad allora, godiamoci tranquillamente il cielo della notte illuminato da una splendida luna piena, e lasciamoci emozionare.
Da oggi a due miliardi di anni, troveremo il modo per tenerci la luna al guinzaglio.

Nessun commento:

Posta un commento