domenica 23 giugno 2013

L'orizzonte visibile - curiosità della settimana

Ci siamo trovati tutti in riva al mare e per qualche istante ci siamo persi guardando l'orizzonte, soffermandoci sulla domanda: fin dove sto guardando?
Quanto è lontano da me l'orizzonte?

La domanda è legittima, la curiosità umana non ha limiti ed è normale che ci troviamo a porci delle domande del genere.
Bisogna però distingue le tre categorie di orizzonte:

- Orizzonte apparente
- Orizzonte reale
- Orizzonte astronomico


L'Orizzonte Astronomico o Orizzonte vero e l'Orizzonte apparente vengono calcolati, facendo riferimento all'intersezione della sfera celeste con il piano passante per il centro della terra e perpendicolare all'asse di congiunzione tra l'osservatore ed il centro terrestre nel primo caso, nel secondo è perpendicolare alla posizione dell'osservatore

Orizzonte astronomico e apparente



L'orizzonte visibile ad occhio nudo, in realtà, dipende dalla nostra posizione e dalla nostra altezza.

Se siamo sulla spiaggia, a circa 2 o 3 metri sopra il livello del mare, e abbiamo un'altezza media tra i 165 e 170 cm, arriveremo a vedere l'orizzonte ad una distanza di circa 5 km.
Più andiamo in alto, più il nostro orizzonte reale si ampia.
Nel caso in cui ci trovassimo alle Hawaii sulla cima del vulcano spento Mauna Kea, che è anche sede di un importante osservatorio astronomico, riusciamo a scorgere un orizzonte di circa 200 km, in base poi anche alle condizioni metereologiche.

Possiamo tranquillamente effettuare un calcolo personale per individuare la distanza dell'orizzonte, che è pari al coefficiente 3,57 (raggio della terra) moltiplicato per la radice quadrata dell'altezza espressa in metri

3 commenti:

  1. Non mi ero mai posta la domanda se devo essere sincera.
    Grazie del chiarimento.
    Enza

    RispondiElimina
  2. Ciao....
    non so come ringraziarti per aver soddisfatto la mia curiosità.
    Allora possiamo riassumere:

    d= 3,57 x radice di h

    d in km.
    h, in m.

    il biologo che è in me, non riesce a spiegare l'esito, viste le unità di misura non omogenee........
    ANCORA GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il calcolo è corretto.
      In effetti è stato anche complicato scriverlo in modo abbastanza semplice per renderlo alla portata di tutti, ma è stato anche divertente.

      Lieta di esserti stato d'aiuto

      Elimina